Vai al contenuto

Primary: Sky Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Secondary: Sky Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Pattern: Blank Waves Squares Notes Sharp Wood Rockface Leather Honey Vertical Triangles
Benvenuti sul pizzarock
Registrati ora per avere accesso a tutte le funzionalita' della piattaforma. Una volta che ti sarai registrato ed avrai effettuato il login potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo, e molto altro!

Se sei un utente registrato, entra - altrimenti crea gratuitamente un account ora!
Foto

1 - Black Heart Procession

1998 indie rock

  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1
Francesco

Francesco

    Veterano

  • Amministratore
  • 1661 posts
  • 346 topics
    • Tempo Online: 4g 18h 49m 24s
  • LocalitàRoma
Donatore

1 - Black Heart Procession
(1998)

Immagine inserita
  • The Waiter – 4:15
  • The Old Kind of Summer – 4:12
  • Release My Heart – 4:20
  • Even Thieves Couldn't Lie" – 4:47
  • Blue Water-Black Heart – 3:47
  • Heart Without a Home – 4:57
  • The Winter My Heart Froze – 0:54
  • Stitched to My Heart – 5:28
  • Square Heart – 3:46
  • In a Tin Flask – 4:08
  • A Heart the Size of a Horse – 7:25
Disco molto particolare. I Black Heart Procession sono un gruppo con una discografia di indubbio valore artistico, gruppo che arrangia canzoni melanconiche ed oscure in maniera molto semplice. Vi è un grande del pianoforte ed altri strumenti a fiato, e anhe della fisarmonica.

Questo album di debutto è l'inizio di una trilogia che si concluderà due anni dopo con il numero 3.
Questo 1 è un cd molto malinconico con canzoni melodiche e semplici (essendo l'album di debutto sono forse un pò acerbi, ma rimangono evidentissime le loro doti) accompagnate quasi sempre dal pianoforte che dona queste dolci, romantiche, tristissime atmosfere tenebrose, raffinate e sognanti.

Album nel complesso notturno, un pò funereo, con atmosfere comunque bellissime, molto intime e suggestive. Il primo brano The Waiter può essere quasi paragonato ad una cantilena in stile "Carillon", accompagnata da pianoforte e chitarra acustica. In The Old King of Summer ad esempio si assapora una fantastica fisarmonica, o altri magnifici brani come Blue Water-Black Heart, Heart without a home. Una traccia già più "vivace" è Square Heart, condotta ad un ritmo più spedito dalla batteria. Stupendo anche l'ultimo sognante brano A Heart the Size of a Horse.

Lavoro davvero bello, musica d'autore.

Della trilogia risulta il meno maturo e "riuscito" ed è quello meno considerato della critica. In ogni caso vi consiglio di ascoltarlo per farvi una vostra opinione personale.

Seppur il 2 ed il 3 sono davvero dei capolavori, questo album è più che valido e coinvolgente.

Tra i massimi esponenti dell'indie/alternative rock.





Anche taggato con 1998, indie rock

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi