Vai al contenuto

Primary: Sky Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Secondary: Sky Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Pattern: Blank Waves Squares Notes Sharp Wood Rockface Leather Honey Vertical Triangles
Benvenuti sul pizzarock
Registrati ora per avere accesso a tutte le funzionalita' della piattaforma. Una volta che ti sarai registrato ed avrai effettuato il login potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo, e molto altro!

Se sei un utente registrato, entra - altrimenti crea gratuitamente un account ora!
Foto

This Is a Long Drive for Someone with Nothing to Think About - Modest Mouse

1996 indie rock

  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1
Francesco

Francesco

    Veterano

  • Amministratore
  • 1661 posts
  • 346 topics
    • Tempo Online: 4g 18h 49m 24s
  • LocalitàRoma
Donatore

This Is a Long Drive for Someone with Nothing to Think About - Modest Mouse
(1996)

Immagine inserita
  • Dramamine
  • Breakthrough
  • Custom Concern
  • Might
  • Lounge
  • Beach Side Property
  • She Ionizes & Atomizes
  • Head South
  • Dog Paddle
  • Novocain Stain
  • Tundra/Desert
  • Ohio
  • Exit Does Not Exist
  • Talking Shit About a Pretty Sunset
  • Make Everyone Happy/Mechanical Birds
  • Space Travel Is Borin

I Modest Mouse sono un trio Indie/Post Rock americano nato nel 1993, le sonorità dei loro primi album sono state accostate a quelle dei Pixies, Built To Spill e di numerosi altri gruppi Alternative Rock. Sono un pò lo-fi in certe canzoni, musica mediamente malinconica che si basa più sulla composizione di testi e racconti (definiti: "un abbozzo di cronaca della vita degli anni '90") più che su una qualità musicale di alto livello, il che risulta in fin dei conti comunque più che piacevole.

I Modest Mouse hanno nel loro sound delle vene e ispirazioni country/folk, psichedelic ed acid rock, che in varie canzoni di questo album sono percepibili, cosa che li rende molto variegati.

In ogni caso una delle band di maggior successo nel panorama Indie americano, con una discografia composta da ottimi lavori che li ha portati a firmare un contratto con una major (la Epic).
Non sono però scesi a compromessi, rimanendo nella loro dimensione Indie (le band Indie lavorano e si producono con case discografiche piccole ed appunto indipendenti).
Questo è un album lunghissimo, a partire dal titolo, con 16 brani per una media di 5 minuti circa l'uno. Nel complesso sono bravi.





Anche taggato con 1996, indie rock

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi